IL VIVALDI DI SARDELLI

Modo Antiquo

Lunedì 21 dicembre 2015 ore 21
Concerto
Conservatorio “G.Verdi”

IL VIVALDI DI SARDELLI
I love Barocco

Coro dell’Accademia Stefano Tempia di Torino
Ensemble Modo Antiquo
Federico Maria Sardelli direttore
Dario Tabbia, maestro del coro
Nicky Kennedy soprano
Antonio Giovannini controtenore
Andrea Fermi tenore

Federico Maria Sardelli (1963)
Concerto per violino in si minore
Dixit Dominus per soli, coro e orchestra

Antonio Vivaldi (1678- 1741)
Dal Cimento dell’armonia e dell’invenzione, Le quattro stagioni, Concerto op. 8 n. 1 in mi maggiore, La primavera, per violino, archi e basso continuo
Sinfonia, cori e duetti da Dorilla in Tempe RV 709
Gloria in re maggiore RV 588 per soli coro e orchestra

Federico Maria Sardelli – Dixit Dominus e Concerto per violino in si minore
Sardelli non scrive musica in stile vivaldiano per “dimostrare una sua convinzione musicale”. Egli ha scelto questo stile perché è il più adatto a lui, gli viene spontaneo e accende, senza sforzo, la sua fantasia. È il suo linguaggio naturale. La sua musica non ha nessuna intenzione polemica nei confronti della scuola musicale moderna, ma è un gesto di affetto verso il Prete rosso e la sua epoca. Comporre in uno stile “storico” obbliga l’autore contemporaneo non soltanto a rispettare e imitare il linguaggio musicale del periodo e dell’autore prescelti, ma soprattutto a immergere se stesso nel contesto culturale, sociale e religioso in cui quella musica fu composta: e ciò vale specialmente per la musica vocale sacra, come dimostra  il Dixit Dominus proposto in questo concerto. Sardelli segue Vivaldi raggiungendo la massima varietà di tempi, tonalità, metri, strutture ed espressioni. Ecco dunque che abbiamo questa musica insieme antica e nuova, pronta a fare tutto ciò di cui la musica è capace: elevare, eccitare, lenire, divertire, stupire e coinvolgere.

Vivaldi – Le quattro stagioni
Antonio Vivaldi nasce a Venezia (suo padre era violinista alla cappella di San Marco) il 4 marzo 1678. Fu ordinato sacerdote ma non esercitò praticamente mai. La sua fama di musicista si diffuse assai presto e già nel 1703 insegnava al Conservatorio della Pietà. Visse a Mantova e Venezia, fu acclamato in tutte le città d’Europa fra cui Vienna dove morì nel 1741. La produzione del compositore veneziano è enorme: quasi 500 concerti, di cui più di 200 per violino, suo strumento preferito, di cui era un virtuoso. Le quattro stagioni sono il ciclo più noto tra le sue composizioni. Si tratta di quattro concerti, ispirati ciascuno ad una stagione dell’anno. Fanno parte de Il Cimento dell’Armonia e dell’Invenzione op. 8 e costituiscono uno dei primissimi esempi di musica descrittiva. Nel concerto in mi maggiore per violino, archi e cembalo (La primavera), la musica descrive passo a passo l’andamento dei singoli episodi della stagione: il canto degli uccelli, il temporale e la danza finale.

Vivaldi – Dorilla in Tempe RV709
Dorilla in Tempe è un melodramma eroico-pastorale in tre atti di Antonio Vivaldi su libretto di Antonio Maria Lucchini. Fu rappresentata per la prima volta il 9 novembre 1726 al Teatro Sant’Angelo di Venezia.  La Sinfonia dell’opera, composta prima delle Quattro stagioni, contiene lo stesso tema del primo movimento, Allegro, della Primavera.

 Vivaldi – Gloria RV 588
Vivaldi scrisse vari Gloria. Solo due di questi sono giunti sino a noi e cioè il RV 589 e l’RV 588. Un terzo Gloria ci è giunto mutilo. Il meno conosciuto, l’RV 588, fu composto presumibilmente durante l’attività del compositore presso il Pio Ospedale della Pietà, istituto all’epoca noto per il suo coro particolarmente avanzato. Il Gloria testimonia l’esistenza di un’ampia visione di insieme. Il trattamento delle parti è molto avanzato per i tempi: la scrittura omofonica corale ha sullo sfondo un’intricata figurazione degli archi e, al contrario, l’intreccio contrappuntistico delle voci è sostenuto con discrezione dagli accordi degli archi. Questa indipendenza tra voci e strumenti anticipa la messa sinfonica dell’età classica.




Accademia Corale Stefano Tempia

Via Corte d’Appello 22 - Torino - 10122
tel. 0110209882 - Cookie

Biglietteria e informazioni

Gli orari dell'ufficio verranno aggiornati e comunicati alla riapertura delle attività

Per informazioni scrivere a:
biglietteria@stefanotempia.it